Due misure importanti per valutare il proprio stato fisico e il potenziale rapporto con il rischio da patologie legate alla cattiva alimentazione sono la circonferenza vita e la circonferenza fianchi, che vengono utilizzate per calcolare il rapporto vita/fianchi.

Circonferenza vita.
La circonferenza vita è un parametro molto utilizzato per valutare il rischio di sviluppo di patologie metaboliche di un soggetto.
Segui queste semplici indicazioni per misurare la tua circonferenza vita in modo corretto:

  1. La misurazione della circonferenza vita non deve essere effettuata al di sopra di abiti
  2. Mettersi in posizione eretta,  con addome rilassato, le braccia ai lati del tronco ed i piedi uniti
  3. Il metro anelastico viene posizionato in corrispondenza del punto di mezzo tra l'estremità superiore della cresta iliaca e il margine inferiore dell'arcata costale nella parte laterale dell'addome
  4. Il metro è in contatto con la cute ma non ne produce compressione e la sua estremità zero è posizionata al di sotto del valore da registrare
  5. La misurazione viene effettuata al termine di una normale espirazione ed approssimata al più vicino 0.1 cm

Hai misurato la tua circonferenza vita?
Sei nella norma o è necessario ridurre la tua circonferenza vita?
Di seguito i valori di riferimento:
Per essere nella norma i valori di circonferenza vita devono essere inferiori a 102 cm nell'uomo e inferiori ad 88 cm nella donna.

Circonferenza fianchi.
La circonferenza fianchi, insieme alla circonferenza vita, è molto importante per valutare la distribuzione del grasso corporeo ed il conseguente rischio di sviluppo di patologie metaboliche.
Segui queste semplici indicazioni per misurare la tua circonferenza vita in modo corretto:

  1. La misurazione della circonferenza fianchi non deve essere effettuata al di sopra di abiti
  2. Mettersi in posizione eretta,  con addome rilassato, le braccia ai lati del tronco ed i piedi uniti
  3. Il metro anelastico viene posizionato in corrispondenza del punto massimo della circonferenza dei glutei
  4. Il metro è in contatto con la cute ma non ne produce compressione e la sua estremità zero è posizionata al di sotto del valore da registrare
  5. La misurazione viene approssimata al più vicino 0.1 cm

Il Rapporto Vita – Fianchi.
Il rapporto Vita-Fianchi (WHR) è un indice utilizzato per valutare la distribuzione corporea del tessuto adiposo. Esso è ottenuto dal rapporto tra la circonferenza della vita e la circonferenza dei fianchi, cioè:
WHR = Circonferenza Vita (cm) / Circonferenza Fianchi (cm)
Semplice e veloce da calcolare, questo indice sopperisce in parte ai limiti del BMI relativi alla distribuzione del grasso corporeo.
L'importanza di questo indice deriva dal fatto che la distribuzione del grasso corporeo si correla al rischio di patologie cardiovascolari. Infatti, diversi studi hanno dimostrato che l'obesità di tipo androide, caratterizzata da una distribuzione del grasso localizzato principalmente a livello dell'addome, si associa a livelli più alti di glicemia, trigliceridi e pressione arteriosa, rispetto all'obesità di tipo ginoide, caratterizzata invece da una distribuzione del grasso localizzato principalmente a livello dei fianchi, che è meno pericolosa per la salute.
Il sesso influenza la distribuzione del grasso corporeo?
Certo che si!!!!!
Nei maschi, infatti, prevale l'obesità di tipo androide; nelle femmine, invece, prevale l'obesità di tipo ginoide.
Secondo le linee guida europee, il valore di riferimento del rapporto vita/fianchi dovrebbe essere inferiore a 0,95 per gli uomini e 0,8 nelle donne.

(MV/ep)
 

News

- l'aggiornamento di questo sito è cessato con la fine del progetto, nel Novembre 2014

- pubblicate le piramidi "giovani" della Dieta Meditaliana

- visita il sito Open food facts e contribuisci ad arricchire le informazioni pubbliche sulla composizione di alimenti

- visita il sito della Via Herculia : itinerari, sapori e storia in Basilicata

- segui la manifestazione Mangio lucano e il marchio Mangio lucano

- guarda il video dell'EFSA (Agenzia per la Sicurezza Alimentari) sugli alimenti funzionali e con claim salutistici

- guarda il video dell'EFSA (Agenzia per la Sicurezza Alimentari) sui contaminanti negli alimenti

- leggi l'articolo su obesità e sovrappeso in Italia su "Il Fatto Alimentare